Italian English French German Romanian Spanish


I metodi di saldatura

SALDATURA OMOGENEA:Quando il metallo base è uguale al metallo d’apportoETEROGENEA:Quando il metallo base è diverso da quello d’apportoAUTOGENA:Quando il materiale base fonde e si mescola con la composizione del giunto.ETEROGENE, Quando il giunto è formato solo dal materiale d’apporto.POSIZIONE DEI PEZZI DA SALDARE-Giunto di testa-Giunto di spigolo o d’angolo esterno-Giunto d’orlo-Giunto a L o d’angolo interno -Giunto a sovrapposizione-Giunto a T-Giunto su tre lamiere..SALDATURA OSSIGAS Avviene creando calore tramite la combustione termochimica di un gas con l ossigeno.

Questi gas vengono convogliati separatamente su un cannello che li fa mescolare intimamente dove tramite dei rubinetti è possibile regolarne la quantità creando una fiamma che raggiunge temperature elevatissime. Ossigeno è il combustibile detto comburente- il gas che si combina è detto combustibile.In base al gas che si utilizza si raggiungono temperature diverse (fiamma ossidoacetilenica,ossibutanica,ossidrica,ossimetanica…)Fiamma ossidoacetilenica raggiunge i 3200°.METALLO D’APPORTO e un filo metallico della forma e dimensioni e caratteristiche che dipendono dal tipo di saldatura da seguire.Di solito sono bachette vendute in varia lunghezza dai 50-100cm, lo spessore deve essere uguale o poco inferiore allo spessore delle lamiere da unire.FLUSSI DISOSSIDANTI IN POLVERE O PASTA,alcuni metalli con la fusione presentano delle reazioni chimiche come l’ossidazione che è da evitare, si usano delle paste o polveri per evitare che l ossigeno atmosferico rovini la massa saldata.paste per metallo base, polveri per la bachetta.IMPIANTI E ATTREZZATURA PER SALDATURA OSSIGAS,-Alimentatori di ossigeno, dove l’ossigeno è messo in bombole a pressioni di 150/200 atm.Alimentatori di acetilene, è prodotto e depurato con appositi generatori, di solito è messo in bombole sotto pressione disciolto in acetone.Organi di collegamento e regolazione, i gas escono dagli alimentatori in tubazioni di gomma abbastanza lunghe ,il flusso dei gas sono regolati dai riduttori di pressione che servono a ridurre o mantenere costante la pressione dei gas che arrivano al cannello. Poi valvole, strumento di controllo pressione cioè manometri valvole di sicurezza…Cannello..apparecchio dove vengono mescolati i due gas in quantità uguali regolati poi da rubinetti per produrre la fiamma.La sua potenza è espressa in Litri/ora .Possono essere a erogazione fissa o variabile, con punte ricambiabili ,regolazione a spillo o con teste sostituibili.La potenza va dai 20/25 l/h per lavori piccoli ai 3000-4000 l/H.Cannelli a bassa pressione , alta pressione (erogazione fissa e consuma meno ossigeno)SCELTA DELLA TECNICA di saldatura è in base al tipo di materiale dei pezzi,spessore pezzi,tipo di giunto,posizione saldatura rispetto all operatore.SALDATURE AD ARCO ELETTRICO la sorgente di calore e di tipo termoelettrica, il claore che si genera per la fusione si ha mediante l arco voltaico che scocca tra i pezzi da saldare e il metallo d’apporto detto elettrodo. Non è altro che un circuito elettrico dove l energia è generata da una macchina detta saldatrice.L’arco elettrico o voltaico consiste in una scarica elettrica continua tra i due poli a diverso potenziale, si avvicina l’elettrodo al pezzo creando il passaggio di corrente, la punta degli ellettrodi si riscalda provocando una ionizzazione dell aria circostante, cosi da poter passar corrente anche in lontananza.Ha uno sviluppo di calore di circa 4000° in grado di fondere qualsiasi metallo in modo rapido.(indispensabili occhiali e visiere all operatore per la luce prodotta)Gli elettrodi sono costituiti uno dal pezzo da saldare, e l’altro da una bacchetta che ha la funzione anche di fornire materiale d’apporto ,di solito con elettrodo si indica solo la bachetta.L’elettrodo serve a migliorare le caratteristiche del giunto, protegge il bagno di fusione dall attacco nocivo dall ossigeno presente in atmosfera depurandolo da sostanze nocive come zolfo e fosforo.Ricopre di scoria una suoperficie che protegge il cordone di saldatura dalle ossidazioni e rallenta il raffreddamento.ELETTRODI RIVESTITI i migliori.IMPIANTO SALDATURE ARCO ELETTRICO:generatore corrente elettrica (saldatrice)trasforma la corrente e la regola in base alla tensione e l’intensità di corrente.Pinza portaelettrodo: tratiene l elettrodo ed è impugnata dall operatore collegata all elettrodo.Morsetto:Fissato sul pezzo o sul banco metallico collegato alla saldatrice viene chiamatta massa..Elettrodi nudi o rivestiti. (il filo di metallo è detto anima,)Se il bagno di fusione non è protetto l’ossigeno vi penetra combinandosi con il ferro forma l ossido di ferro, o si combina con il carbonio formando dei vuoti all interno della saldatura.Per questo si usa il rivestimento per creare un atmosfera protettiva.La SCORIA va tolta con un picchetto o spazzoke metalliche, migliora anche l’aspetto superficiale del cordone.Tipi elettrodi: a rivestimento basico,arivestimento acido,riv cellulosico, ad alto rendimento ecc.CONTROLLI DI SALDATURA:prima i lembi,scelta mat d aporto durante la saldatura controllare intensita di corrente e la tensione, controllo distrutttivo solo se pezzi in seire, controlli non distruttivi con liquidi penetranti, per rilevare difetti microscopici in superficie non rilevabili ad occhio nudo, o sostanza fluorescente che al buio rileva le crepe.controlli magnetoscopici,radiografici,con ultrasuoni. Con gli ultrasuoni si hanno precisioni di verifica molto maggiori rispetto a quello con radiografia.SALDATURA AD ARCO IN ATMOSFERA GASSOSA: Non è altro che una saldatura ad arco manuale uguale ,ma si cerca di proteggere arco e bagno (quando l elettrodo rivestito non basta)creando un atmosfera protettiva attorno alla zona di fusione utilizzando gas speciali.GAS INERTI non si combinano con altri elementi del bagno e l aria è escusa dal contatto con la zona da saldare (ARGON,ELIO).GAS ATTIVI si combinano con gli elementi presenti nel metallo base (co2). TIG E MIG utilizzano gas inerte, nel TIG l’elettrodo è in tugsteno (oltre 3000°) ed è infusibile e si usa una bacchetta per materiale d’aporto.In italia si usa l’argon perchè l’elio troppo costoso. E’ un procedimento per saldare quasi tutti i materiali ma a causa del costo elevato si usa sopratutto per saldare acciai pregiati,ottone , rame è il piu efficace per saldare anche leghe leggere alluminio e magnesio.L’arco scocca tra il pezzo da saldare e l’elettrodo in tugsteno, fissato su una torcia raffreddata da una circolazione d’acqua e ovviamente dalla bocca fuoriesce il gas inerte, e una massa M collegata ad un generatore (saldatrice) funziona sia in corrente continua che alternata. Torcia leggera e maneggevole,arco tranquillo,il controllo della fusione dei lembi risulta facile, non si formano scorie da eliminare.Velocità di esecuzione lenta, costi elevati del gas.FLUSSOMETRO: misura la portata del gas.Saldatura MIG: L’elettrodo è costituito da un filo continuo nudo che fa anche da materiale d’apporto man mano che si salda il filo avanza da un dispositivo meccanico, chiamato anche semiautomatico a consumabili.Per saldare spessori notevoli, dato il costo dell argon è usato piu che altro per saldare acciai a elevata resitenza.SALDATURA MAG E’ un tipo di saldatura dove si utilizza l’anidride carbonica, l’elettrodo è un filo continuo nudo sempre semiautomatico. L’anidride carbonica è un gas attivo quindi l’azione antiossidante è affidata al filo che contiene elementi in lega a questo scopo come magnesio. La qualità delle saldature sono inferiori rispetto al tig e al mig ma il gas e meno costoso per questo è preferito., è un procedimento veloce e di grande penetrazione. MIG E MAG polo positivo all elletrodo, con il tig si puo invertire (corrente continua a polarità inversa.)RISCALDATORE ,,solo su bombole ad anidride carbonica senno il gas espandendosi ghiaccerebbe.SALDOBRASATURA Sono procedimenti di saldatura dove l’unione tra le parti si ha solo con il materiale d’apporto, fusi tra i lembi solo riscaldando i pezzi, è un metodo simile a quello della saldatura ossido acetilene,stessa preparazione dei lembi si usa un metallo d’apporto diverso da quello di base, caratteristica è la bagnatura cioe la capacita del metallo d apporto fuso di infiltrarsi nei lembi .(acciaio 800/950 per la ghisa 650-800)e una tecnica adatta alla saldatura della ghisa ma anche ottoni lamiere e tubi zincati (no leghe leggere perchè favoriscono la corrosione)il materiale d apporto deve fondersi facilmente e le superfici vanno ben pulite.E adatta alla ghisa essendo un materiale duro ma fragile alle tensioni interne per questo si usa la saldobrasatura che non si riscalda troppo il materiale base.E anche su materiali zincati.BRASATURAminor distanza tra i lembi, la brasatura e chiamata dolce si fa con materiale d’apporto stagno o piombo ma richiede accurata pulizia (saldatori a mano)Brasatura forte brasature all argento ,al rame, al alluminio,.Tipi di fiamma
Fiamma neutra: quando la combustione dell’acetilene in combinazione con l’ossigeno inizia in prossimità del cannello e termina nella parte iniziale del pennacchio, si ha una fiamma detta Neutra.Fiamma carburante: se l’ossigeno erogato non è sufficiente per completare la combustione primaria dell’acetilene, la combustione di quest’ultimo sarà parziale e parte del carbonio costituente l’acetilene rimane libero nella fiamma e tende a passare nel bagno fuso: per questo tale fiamma viene detta “fiamma carburante”.
Fiamma ossidante:contrariamente al caso precedente, la fiamma Ossidante,  la si ottiene nel caso di eccesso di ossigeno alla punta del cannello. Con questa regolazione la combustione avviene immediatamente in prossimità dell’uscita del cannello con una conseguente riduzione, od eliminazione, della zona riducente. La fiamma, in questo modo, tende a cedere ossigeno al bagno di fusione.Colorazione bombole :o ssigeno è bianca-acetilene arancione,attualmente passata al colore marrone. La bombola di idrogeno ha bordo rosso.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 70% (3 Votes)
Condividi